Capo Nord

Partenza il 5 luglio 2017 ed arrivo il 28 luglio 2017 
Ci siamo! E’ la prima cosa che mi viene in mente nel pensare a questo viaggio.
Un “ci siamo” che vuole essere anche una sorta di liberazione per tutto il lavoro che è stato fatto e si sta facendo per rendere possibile questa realizzazione di un sogno di un ragazzo di 20 anni.
Parliamo di Massimo Spagnoli, di Milano, che due anni fa, ha subito come me, l’amputazione della gamba a seguito di un incidente motociclistico.
Conosciuto solamente alcuni mesi fa, durante un pomeriggio d’inverno in una trattoria della bassa padana, a Massimo serviva carpire come un uomo di 43 anni, fosse riuscito a ricostruirsi una vita piena, ricca di soddisfazioni e traguardi, anche se con una gamba in meno.
Poi man mano trascorrevano i minuti, si è lasciato andare, ha iniziato a raccontarsi e quasi alla fine, dopo quasi 4 ore, a parlarmi dei suoi sogni.
Uno su tutti, raggiungere Capo Nord.
Da coach ed ora da amico, è uscita spontanea l’idea e la frase “e se ti accompagnassi io?”.
Presente anche il padre Aldo, sono bastate poche occhiate l’uno all’altro per confermare quanto detto.
Nelle settimane successive si è creata una squadra formidabile nel costruire un viaggio che ci vedrà in Europa per 24 giorni, attraversare 17 Stati e percorrere 11.000 chilometri.
Un primo grande successo l’abbiamo già ottenuto, o meglio, lo ha ottenuto Massimo, che fino a qualche mese fa non utilizzava nemmeno le stampelle, ed ora, è pronto per fare trekking di 4/5 ore nei paesi di mezza Europa.
Come ciclista, la mia fedele due ruote mi seguirà in questa esperienza dove farò alcuni tratti della Parigi/Brest/Parigi, Parigi/Roubaix, Fiandre, Liegi, Fiordi e tanti altri tratti in tutta Europa.
Il viaggio è sostenuto dalla nuova piattaforma OSO di Fondazione Vodafone, dove attraverso esempi concreti si vuole incentivare, motivare e supportare le persone diversamente abili alla pratica sportiva.
Che la disabilità fisica sia una condizione dalla nascita o venga in qualche modo “acquisita” durante il percorso di Vita, non deve essere un elemento che ci privi di godere appieno il dono che ci è stato dato.
Lo Sport è importante per ogni persona, indipendentemente dall’età, disabilità, professione, sesso ed altro.
Regala la Salute, elemento fondamentale in ogni singola nostra giornata.

Lascia un commento