Raid in Perù 2016

Da anni, amo l’aspetto dell’ENERGIA in tutte le sue forme, spirituale, alimentare, terrena, ecc… ed ho scoperto che ci sono siti che dal punto energetico spiccano di molto su tanti altri.
Uno di questo è proprio Machu Picchu. Fin dal primo momento che ho iniziato a curiosare su internet, è diventato un sogno andarci, raggiungendolo con le mie forze ed il mio sport preferito, il ciclismo.
Nell’inverno di quest’anno, 2016, si è concretizzato grazie a tanti sostenitori di affrontare, ma prima costruire questa meravigliosa avventura.
Programmare il tragitto, l’equipaggiamento, l’integrazione, l’alimentazione, le difficoltà, ecc…
Difficoltà importanti arrivate ancor prima di partire;
18 maggio, vengo investito da una macchina con esito di frattura al femore dell’arto amputato. Chiedo un MIRACOLO all’Universo e dopo solo 11 giorni, senza il bisogno di un intervento, riprendo gli allenamenti.
28 giugno, il mio compagno di avventura, decide di non partire assieme a me, così mi vedo costretto ad un bivio, rinunciare all’avventura, sebbene tutto il grande lavoro fatto prima o partire da solo. Una scelta, la seconda, giunta dopo circa 4 giorni, che ha semplicemente anticipato di uno o due anni, ciò che già avevo in testa, fare avventure in completa solitaria, con la mia gamba e le mie stampelle.

Resoconto

Resoconto

 

Resoconto

16 Aprile 2016 – Oggi è iniziato il VIAGGIO verso Machu Picchu…rientrato ora da un primo di tanti, lunghi allenamenti, che mi porteranno dopo 1.200 chilometri, a scoprire questa meravigliosa cittadina incastonata sulle Ande. Durante gli incontri nelle scuole, squadre, aziende, sottolineo sempre molto la caratteristica dell’obiettivo….EVIDENZASENSORIALE….oggi mi sono ascoltato, cuore, testa, muscoli….ho ascoltato ciò che mi circondava e guardato la natura che avevo attorno…e sarà così per tutti gli altri allenamenti, perché solo così, aumentero’ a dismisura, l’emozione di quel momento.

6 Febbraio 2016 – A sei anni di distanza dall’avventura nel 2010 in India sulla strada carrozzabile più alta del mondo, quest’anno, sempre assieme a Stefano Mattioli, affronteremo un’altra straordinaria avventura.
Questa volta in Perù, verso una delle zone più misteriose del nostro pianeta.
1.200 chilometri in mountain bike e 4 giorni di trekking verso Machu Picchu.
Periodo Luglio/Agosto.
Continuate a seguirmi!