Route 22

“ Un destino in comune”
Conosco Massimo nel gennaio di quest’anno ed ha 20 anni.
Ci accomuna una esperienza drammatica; l’amputazione dell’arto inferiore a soli 17 anni.
Parlo con lui, mi descrive ciò che ha passato, il momento che sta vivendo, le difficoltà ma anche i suoi sogni….tanti…ed alcuni di questi mi colpiscono nel profondo, ma uno in particolare coglie la mia attenzione.
“Andrea, il mio sogno è di andare nel posto più estremo d’Europa, a Capo Nord”.
Ecco, mi stacco da quel momento con la mente ed inizio a viaggiare, ricordandomi allo stesso tempo, che già da due mesi stavo programmando un’altra avventura, l’attraversata in solitaria della Nuova Zelanda.
Ma Massimo me lo racconta con profondità, passione, voglia vera di arrivarci ed io l’ho capito ed accolgo il suo desiderio.
“Massimo, e se ti accompagnassi io a questa meta?”
Ed ecco creato un progetto comune che ci porterà ad attraversare ben 17 Stati d’Europa per oltre 11.000 chilometri.
Non mancheranno le difficoltà, che sappiamo supereremo, consapevoli e grati di quanti momenti magici vivremo in quei 23 giorni di viaggio.
Trekking con le nostre stampelle e la nostra gamba, animeranno e caratterizzeranno alcune sfide sportive in cui saremo coinvolti.
In bici, percorrerò tratti della Parigi/Brest/Parigi, terminata nel 2011, la Parigi-Roubaix, Il Fiandre, la Liege-Baston-Liegi e tanto altro.
Un viaggio per dimostrare a chiunque che i sogni possono essere realizzati, di credere nelle proprie possibilità anche quando la vita ci riserva sorprese drammatiche.
Guidare con l’esempio i diversamente abili del nostro paese verso una nuova esperienza nello sport, come strumento per migliorare la propria vita dal punto di vista fisico e psichico.
Ne torneremo arricchiti, diversi, cambiati, chi in un modo chi in un altro.
Seguitemi/ci sui nostri social e diventatene protagonisti, inviandoci consigli ed informazioni utili a rendere questo viaggio il nostro sogno realizzato.

Segui l’astag: #route22