Browsing tag:

Andrea atleta paralimpico


Martedì 4 febbraio presso il Centro Convegni UmbriaFiere di Bastia Umbra, parteciperò all’evento con molti altri ospiti dedicato all’incidenza della pratica sportiva e della formazione sulla persona, con effetti sull’autodisciplina e sulle attitudini cognitive. Porterò nella mia relazione la mia esperienza sportiva ed il metodo che utilizzo per raggiungere i miei obiettivi dal punto di[…]

Leggi tutto

Con partenza alle ore 8,30 da CarraraFiere, domenica 2 febbraio avremo l’occasione e il piacere di condividere, con moltissime persone, una bella camminata di 11 chilometri in direzione Centro Storico di Carrara, interamente sulla Via Francigena. Dopo aver percorso nel 2019 i 1.000 chilometri da Aosta a Roma, sarà emozionante ripercorrerla e risvegliare così ricordi[…]

Leggi tutto

Sabato 1 febbraio alle ore 15.00 sarò a Marina di Carrara (MS), ospite della manifestazione Vita all’aria aperta in cui potrò raccontarmi a 360°, focalizzandomi sull’ultima esperienza sportiva: i 1.000 chilometri percorsi della Via Francigena, da Aosta a Roma.

L’entusiasmo dei giovani a volte è tanto incontenibile quanto rigenerante e vitale. Abbiamo incontrato oggi la Scuola Media di Concesio per il quarto anno consecutivo. Storie, cartelloni, domande, risate, riflessioni, risorse, valori e tanti autografi sono il risultato di questo bellissimo scambio. Siamo arrivati ormai alla 7ª edizione del Giro Formativo in Italia e ci[…]

Leggi tutto

Non poteva esserci partenza migliore per questa mia avventura, del consegnare la prima coppia di Katana all’amico Davide Ciceri. Un ragazzo che dopo aver combattuto contro un osteosarcoma al Centro Tumori di Milano, sta ritornando in sella alla sua moto KTM Factory Racing e dimostrare così anche con il suo sorriso, che la Vita va[…]

Leggi tutto

… bronzo agli europei di Israele, dove vado quasi per caso, argento in Turchia. Vedo, per la prima volta nella vita, la possibilità di andare alle Paralimpiadi. Rio 2016 non è lontana, i risultati ci sono. Nella prova mondiale mi piazzo dodicesimo, ma sento di avere ampi margini di miglioramento. Sono pronto ad affrontare la[…]

Leggi tutto

… ero in un periodo estremamente positivo della mia vita, tanto da aver superato ogni paura e da sentirmi pronto ad ogni sfida. Dopo la Parigi Brest Parigi mi sentivo in grado di affrontare qualunque cosa. All’inizio del 2012 mi propongono di cimentarmi con il Triathlon. Va più che bene, tanto da accettare di mettermi[…]

Leggi tutto

… i miei compagni di viaggio sono costretti al ritiro, uno dopo l’altro. Le Randonnée sono prove massacranti dal punto di vista fisico e mentale. Affronto la Parigi Brest Parigi con il mio ritmo, senza guardare a quello che fanno gli altri. Il limite massimo di tempo sono le 90 ore e sono convinto di[…]

Leggi tutto

… non ho lasciato lo sport. Dopo il sogno sfumato delle olimpiadi di Londra 2012, vengo affascinato dal mondo delle Randonnée. E’ una sfida perché rispetto agli allenamenti precedenti, devo stravolgere tutto. Dall’ora e mezzo al giorno alle 3/4 ore al giorno in sella alla bicicletta. Ritaglio il tempo incastrandolo con il lavoro. Nella testa[…]

Leggi tutto

… negli anni mi troverò davanti a migliaia di studenti. Ho superato la paura iniziale del pensiero – di quando avevo ripreso la scuola – del come mi guarderanno. Sono in primo luogo io più consapevole di me stesso: mi guarderanno per quel che faccio e per come lo faccio, per quello che riuscirò loro[…]

Leggi tutto