Islanda

Storie Vichinghe e Terre di Vulcani


Saranno oltre 2.000 i chilometri che percorrerò in sella alla mia bici per completare l’intero giro dell’Islanda dal 9 al 31 luglio 2022.

Dopo 4 anni dedicati ai cammini, tutti quanti svolti in Italia, ritorno alla mia grande passione, quella per il ciclismo volto alle avventure estreme, dove fatica, sudore e sacrifici si fondono in ore e ore di bici, superando ogni difficoltà ed ogni salita, un metro alla volta.

Al mio fianco ci sarà l’oceano da una parte e vulcani, guyser e ghiacciai dall’altra.

Un’impresa interamente documentata da video e foto, vissuta in tenda e sacco a pelo.

L’inaspettato come ogni altra mia avventura sarà un ingrediente essenziale, alla scoperta di questa isola ricca di energia che arriverà grazie alla sua geologia straordinaria ma anche dalla popolazione che incontrerò lungo il percorso.

Ti aspetto al mio fianco, virtualmente, attraverso le mie foto, video e dirette.

Impresa Islanda - Andrea Devicenzi

  • Andrea Devicenzi Rodigo

    Lunedì 28 novembre sono stato ospite del Comune di Rodigo, dove è stata presentata la serata che si svolgerà il prossimo 16 dicembre. Nel corso della serata avrò ancora una volta l’opportunità di raccontare la grande avventura in Islanda, attraverso il libro ed il docu-film. Un ringraziamento all’Amministrazione comunale, al sindaco Gianni Grassi che mi ha accolto con il presidente dell’associazione di Volontariaro rodighese Araldi Aimone, primo promotore di questo evento con il pieno sostegno del Comune. Al mio fianco, Andrea Baglio, che assieme a Simone Pinzolo mi ha seguito lungo tutti i 2.200 chilometri, oltre ad essere regista del Docu-film. Le tre settimane vissute in Islanda mi hanno permesso di vivere appieno ogni emozione. Questo meraviglioso viaggio ed il messaggio ad esso legato, oggi mi stanno dando nuovi stimoli, grazie agli incontri con centinaia e centinaia di persone, Amministrazioni ed associazioni. Tutti momenti che mi arricchiscono dal punto di vista umano.

  • Quello appena trascorso e stato un weekend sicuramente impegnativo ma che grazie ancora una volta all’impresa in Islanda, mi ha lasciato di nuovo grandi soddisfazioni. Ringrazio gli Amici del Comitato Crema Zero Barriere, grazie ai quali e’ stato organizzato nella giornata di sabato 26 novembre, un incontro durante il quale ho avuto l’opportunità di presentare l’avventura in Islanda grazie al Docu-film ed al libro dal titolo “La mia Islanda su di un pedale”. L’emozione e’ stata grandissima. Non capita tutti i giorni di avere circa 140 persone in platea ad ascoltarti. Fin da subito ho percepito una bella energia e ne ho tratto ispirazione. Già nella mattinata ho avuto modo di incontrare due scolaresche del Liceo Scientifico Racchetti – Da Vinci di Crema. Nel pomeriggio invece ho avuto modo di conoscere i ragazzi dell’Asd Over Limits. Ringrazio tutti loro, gli organizzatori di questo evento e l’amministrazione di Crema con in testa il sindaco Fabio Bergamaschi. Partecipare a giornate come queste arricchisce prima di tutto dal punto di vista umano, grazie ai confronti e riflessioni che ne nascono. Si è parlato di Diritti, di speranza e motivazioni. Come dico durante ogni mio incontro, Credere all’impossibile non significa cercare di andare oltre le proprie possibilità, ma è un invito a tutti di esprimersi appieno, attraverso le proprie potenzialità.

  • Andrea Devicenzi Teatro Gobetti

    Ieri sera presso il Cinema Teatro Gobetti di San Mauro Torinese ho avuto un’altra importante occasione in cui presentare il film ed il libro “La mia Islanda su un pedale”. La risposta è stata ancora una volta molto soddisfacente. Vedere la sala stracolma di persone ed incantate nel vedere il docu-film è stato emozionante. Per ammirare tutto ciò mi sono seduto in ultima fila e come in Islanda, ho voluto vivere ogni istante al massimo. Grande silenzio ed attenzione durante il Docu-film e molta partecipazione durante la presentazione del libro. Due ore di confronto e dialogo in cui ho raccontato il viaggio, prima, durante e ciò che sto facendo. Un ringraziamento all’assessore di San Mauro, Daisy Miatton, oltre a Stefano e Chiara del Cinema Teatro Gobetti, che mi hanno accolto con grande professionalità, creando da subito l’ambiente migliore affinché la serata potesse riuscire al meglio. . Per maggiori info: press@andreadevicenzi.it

  • Andrea Devicenzi Piazzola sul Brenta

    Concluse le due giornate a Piazzola sul Brenta (PD) in cui ho potuto portare la mia esperienza in Islanda. Arrivato giovedì sera per allestire la mostra in occasione della fiera di San Martino, la popolazione ha avuto poi modo di visitarla dalle 10 fino alle 20 di entrambi i giorni. Alle 17:30, sia di venerd’ che di sabato, proiezione del film “la mia Islanda su di un pedale” ed a seguire la presentazione del mio terzo libro dedicato all’Islanda. Due incontri molto diversi tra di loro ma in cui l’interazione e condivisione con il pubblico è stata al centro e ci ha tenuti assieme per circa due ore. Un grazie di cuore all’amica Ketty Zecchin dell’associazione “Il Melograno” ed a tutti gli amici ed amiche dell’associazione “EKTA APS” del prezioso aiuto dal primo minuto del mio arrivo a Piazzola fino alla mia partenza. Prossime Tappa: – Giovedì 17 Novembre a San Mauro Torinese (TO) – Venerdì 18 Novembre a Gassino Torinese (TO) – Venerdì 25 Novembre a Noceto (PR) – Sabato 26 Novembre a Crema (CR) – Domenica 27 Novembre a San Secondo Parmense (PR)

  • Andrea Devicenzi Codogno

    Attendevo con enorme curiosità il 5 novembre per la prima presentazione del libro e del docu-film dedicato all’Islanda, ‘La mia Islanda su un pedale’. A qualche ora dall’evento, son felice di aver legato questo momento, come prima iniziativa di “Codogno Comune Europeo dello Sport 2023”. Doverosi i ringraziamenti a tutta l’amministrazione comunale per l’accoglienza fantastica e di una incredibile disponibilità. Cosi come fantastica e’ stata la collaborazione di Stefania Berlendis della Commissione Codogno Comune Europeo dello sport 2023, che assieme al suo gruppo ha fatto in modo che tutto andasse per il meglio, a monte di una programmazione nelle settimane precedenti pazzesca. Due giorni, venerdì e sabato, particolarmente intensi da cui io e tutta la mia squadra ne usciamo con ancora più energia in vista dei prossimi appuntamenti (ad oggi 21 e se ne stanno aggiungendo altri). E’ stato emozionante venerdì sera allestire la mostra fotografica con le foto scattate da me e da Andrea Baglio in Islanda. Vederle per la prima volta una a fianco dell’altra mi ha fatto rivivere l’impresa e della fortuna avuta nell’affrontarla metro per metro in sella alla mia bici. Sabato mattina, sveglia alle 6:45 per andare assieme ad Alessandro Bocchi, a ritirare i libri freschi di stampa in Fantigrafica a Cremona dall’amico Palmiro. Tornati a Codogno abbiamo inaugurato la mostra assieme a moltissime persone, stupite dalla bellezza d’Islanda e dalla difficioltà nell’affrontare quei 2.200 che trasudavano le foto. Emozione pura poi, nel pomeriggio di sabato, nel guardare assieme a 120 persone e per la prima volta anche per me, il Docu-film realizzato dall’amico e regista Andrea Baglio. Abbiamo poi terminato con la presentazione del mio terzo libro “la mia Islanda su di un pedale” in cui racconto l’avventura, con riflessioni mie e di tutto il team, avendo vissuto quei giorni in modi leggermente diversi. Da contorno ma protagoniste, 60 foto in alta qualità realizzate da me, Andrea e Simone. . Per ricevere il libro con dedica, scrivere a press@andreadevicenzi.it

  • Andrea Devicenzi Codogno

    Un’altra giornata da incorniciare a seguito dell’avventura in Islanda. E’ stato d’orgoglio per me questa mattina, poter essere protagonista della conferenza stampa che si è svolta nell’ambito di “Codogno Comune Europeo dello sport 2023”. Sabato prossimo 5 novembre, proprio a Codogno presenterò insieme a tutta la mia squadra (Andrea Baglio, Simone Pinzolo, Alessandro Bocchi) la grande avventura che mi ha visto durante il mese di luglio completare in sella alla mia bici il perimetro dell’Islanda di 2.200 chilometri. Una presentazione che si svilupperà su più momenti: – Dalle ore 10 sino alle ore 20, sarà aperta al pubblico la mostra fotografica con foto mie e di Andrea Baglio in cui incontrerò i giovani delle scuole medie. – Alle ore 17:15 prima assoluta del film (realizzato da Andrea Baglio)  e che anche io vedrò per la prima volta. – Alle ore 18:00 presentazione del libro “la mia Islanda su di un pedale”. L’Islanda si sta sempre più caratterizzando come un progetto a 360 gradi e che continua a mietere sorprese, belle sorprese. Emozioni rese possibili anche grazie agli sponsor, tra cui i principali sono Pomì, Progetti del Cuore  e Quixa, ma anche Artefice Group, laDueDue, Cippà Trasporti, EOT, M9 Abbigliamento, ANMIC Cremona, ABGlobal, Zinzino, Coral-Club, Rolly & Co., Luna Residence Hotel, Dequo Action Beer. Un ringraziamento particolare all’amministrazione di Codogno che questa mattina mi ha accolto con grande entusiasmo. Un piacere sentire le parole del sindaco Francesco Passerini e del consigliere delegato allo sport Luigi Bassi. Un grazie anche all’amica Stefania del Comitato Codogno Comune Europeo dello sport, merito suo di tutto questo mio coinvolgimento.

  • Andrea Devicenzi Museo del Ghisallo

    Quella di giovedì 20 ottobre è stata per me una giornata storica. La maglia dell’impresa in Islanda è ora esposta al Museo del Ghisallo, luogo simbolo della storia del ciclismo mondiale. Una grandissima gioia, un onore, una soddisfazione enorme. Un premio, che voglio condividere con il mio team, gli sponsor e tutte le persone che mi seguono ogni giorno e che danno forza al messaggio che sta alla base di tutte le mie imprese: “Credere all’impossibile”. Se penso a qualche anno fa, mai avrei immaginato un giorno di vedere la mia maglia esposta nelle stesse sale in cui ci sono cimeli dei più grandi campioni di questo bellissimo sport. La casacca dell’Islanda si potrà vedere nella sezione paralimpica dedicata alle avventure estreme. Questo per me è motivo di ancora maggiore orgoglio. Ringrazio il direttore del museo Antonio Molteni, che mi ha accolto, e gli amici Carlo Ottolina e Giuseppe che mi hanno accompagnato.  

  • Andrea Devicenzi Museo del Ghisallo

    L’avventura in Islanda, terminata a fine luglio in sella alla mia bici, continua a seminare soddisfazioni ed emozioni. A brevissimo inizieranno le presentazioni del film, dopo il successo del trailer, assieme alle presentazioni del mio terzo libro. Ma c’è dell’altro! Giovedì 20 ottobre sarò ospite al Museo del Ghisallo, il più importante al mondo per quanto riguarda il ciclismo, a cui donerò la maglia indossata nell’avventura in Islanda. Inaspettato fino a qualche giorno fa, è un sogno che si realizza poter inserire la mia maglia tra quelle dei più grandi campioni del ciclismo di tutti i tempi. Solo per citarne una, lo scorso 7 ottobre, Jan Ullrich, ha donato la sua bicicletta con cui ha vinto 25 anni fa il Tour de France. Un’ulteriore occasione per coronare uno straordinario lavoro di squadra, con un ringraziamento particolare a tutte le persone ed aziende che mi supportano in questa fantastica avventura, che vedrà tanti altri traguardi da raggiungere.

  • Andrea Devicenzi Lions Club

    🔵 LIONS Club di Casalbuttano (CR) 🦁 LA MIA ISLANDA SU DI UN PEDALE Lunedì ho partecipato alla serata organizzata dal Lions Club Casalbuttano in cui ho raccontato la mia esperienza di vita e le mie esperienze sportive. Grazie tutti e tutte dell’attenzione ed interesse dimostrato durante il mio racconto. Ringrazio in particolare Aldo Nassano, Presidente del Club e l’amica Emanuela, per il tempo, passione ed energie nel volere fortemente questa serata. Erano presenti inoltre l’amica Stefania, diversi Officer Distrettuali, tra cui il Governatore Massimo Conti, ed alcuni Dirigenti e membri dell’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili.

  • Andrea Devicenzi Il Piccolo

    L’impresa in Islanda ha trovato spazio in prima pagina sul settimanale “Il Piccolo”. Un grazie agli amici Vanni, Fabio ed a tutta la redazione.  

  • Partiti da Vik. Oggi e’ stata una giornata davvero all’insegna dell’avventura e proprio per questo, bellissima, affascinante. Gli scenari che ci siamo trovati davanti sono stati incredibili e spero di cuore che attraverso le foto  riusciate a percepire quanto sia meravigliosa questa isola. Come accade in ogni avventura bisogna fare i conti con l’imprevedibile, gestire le difficoltà e superarle. Qui l’imprevedibile e’ rappresentato principalmente dal vento. In Islanda c’è sempre! H24. Ed oltre che cercare di vincerlo pedalando bisogna fare i conti anche con la sua forza. Sono partito riuscendo a gestirlo bene, in sicurezza, ma sono bastati alcuni attimi che mi hanno messo in seria difficoltà tanto da obbligarmi a fermare sul ciglio della strada con raffiche superiori ai 60 km(h. In tre giorni abbiamo percorso già  circa 300 km. Siamo in media rispetto al programma e questo mi rende tranquillo. L’obbiettivo naturalmente e’ rispettare le tappe preventivate ma qui bisogna vivere giorno per giorno tenendo conto delle condizioni meteo. Il morale e’ a mille. Oggi ancora di piu’ perché man mano che passano i chilometri riesco a prendere confidenza con questo paese. Mi sto godendo ogni momento di questa avventura incredibile. Sento il sostegno che mi arriva ogni minuto dall’Italia. I vostri messaggi sono energia pura, benzina per la mia gamba. Abbiamo ancora tantissimi chilometri da percorrere assieme. Avanti tutta …

  • Da Selfoss alla spiaggia nera del villaggio di Vik y Myrdal. E’ stata una tappa impegnativa, l’Islanda e’ così, una terra affascinante che sto scoprendo giorno per giorno e che ti riserva delle sorprese fantastiche, tra paesaggi e cascate meravigliose, ma che non regala! Te li devi guadagnare, soprattutto se la scopri in sella ad una bici. Necessariamente ci si deve fermare ai punti che ad un tratto ti si presentano davanti. Troppo grande la voglia di riprendere le meraviglie davanti ai nostri occhi, guardardarle, godersele. E’ per questo che in queste prime due tappe i tempi di percorrenza si sono allungati tantissimo e non sono riuscito ad organizzarmi per la diretta come avrei voluto ed a cui tengo molto. Ma rimedierò. Ci tengo tantissimo a chiacchierare con tutti voi…. Con le foto ed i video postati durante la giornata spero comunque di avere reso l’idea di quanto sia affascinante l’Islanda, la terra dei Vichinghi e dei vulcani… e se non ci sono ancora riuscito appieno, datemi ancora un pò di tempo per fare tutto al meglio. Il tempo oggi e’ stato davvero vario. Un alternarsi di pioggia e vento che negli ultimi dieci chilometri, lungo al salita che portava in cima a 170 metri di dislivello da cui ammirare Vik, la pioggia ed il vento hanno aumentato di intensita ed è stato difficilissimo. Ma anche questo lo avevo messo in conto, duqneu ho stretto i denti ed immaginato la gioia nel raggiungere il fine tappa. Ora un poco di riposo, dentro al sacco a pelo e la tenda, con i tappi nelle orecchie e la fascia agli occhi. Domani si riparte per la terza tappa con circa 40 chilometri in meno ma tutti da scoprire. Il morale è a mille, con la squadra non mancano le discussioni costruttive perchè tutti e tre vogliamo il massimo da questo viaggio. Ma il morale è alto anche grazie a tutte le persone che mi seguono e scrivono. Anche se siamo a distanza di migliaia di chilometri vi sento davvero vicini GRAZIE.

  • Prima giornata in bici e già tantissime sono le emozioni provate. Questa mattina non vedevo l’ora di partire, anzi, già nel pomeriggio di ieri fremevo di salire in sella. Le 10 sono per fortuna arrivate in fretta e dopo l’intervista alla TV islandese finalmente è arrivato il momento di “montare il mio cavallo” e affrontare i 2200 chilometri che mi riporteranno a Reykjavik tra tre settimane. Le sensazioni che ho vissuto oggi sono state fantastiche, per certi versi anche difficili da esprimere perché personali…. E’ sempre intensa la sensazione di pedalare all’estero. Fatta qualche ripresa particolare insieme a Simone ed Andrea ho attivato la traccia gps ed iniziato a macinare chilometri. Con loro sono stato in continuo contatto a distanza per ritrovarci di volta in volta per qualche foto particolare o la ripresa di panorami bellissimi. L’incontro con la prima cascata e’ stato fantastico, immagini uniche, scenari spettacolari che fino ad oggi avevo avuto modo di vedere solo in fotografia o in alcuni video. Sono stati 120 chilometri di conferma di quanto il tempo cambi continuamente, passando da una pioggia incessante, al sole, al forte vento, ecc…. Oggi ci siamo ‘testati’ anche dal punto di vista organizzativo e c’è ancora qualcosa da sistemare ma la partenza è stata ottima. Una giornata lunga ma davvero emozionante, vissuta in ogni istante con l’aria fredda islandese che mi ha accompagnato…ma non in maniera fastidiosa. Da domani si entra nel vivo di questa avventura con la seconda tappa, sino a Vik. Seguitemi qui sul sito e sui social con foto inedite della giornata e la diretta alle 21. ……stay tuned

  • Domani si parte. Finalmente ci siamo. L’arrivo in Islanda non è stato privo di imprevisti ma oggi, sabato, siamo riusciti a risolverli e a sistemare tutto in vista dell’avvio di questa grandissima avventura. Le prime ore a Reykjavik sono state di ambientamento. Come prevedibile abbiamo trovato un clima più freddo ma questo era da mettere in conto. Non vedevo l’ora questa sera di arrivare al momento della diretta per mostrare a tutti le prime immagini dall’Islanda e condividere le emozioni e le sensazioni che in queste ore sto vivendo. Domani mi aspettano 120km, tra luoghi spettacolari e primi racconti di questo viaggio. Durante la giornata saranno pubblicate alcune foto inedite in attesa della diretta serale per raccontarvi la mia prima tappa. Seguitemi tutti, giorno per giorno. Ho bisogno del vostro supporto. Sara’ come pedalare assieme a migliaia di chilometri di distanza. Pronti a partire con me? Vi aspetto tutti/e. A DOMANI

  • Andrea Devienzi Islanda 2022

    Mesi di duro lavoro per organizzare un’impresa di questa portata sotto tanti punti di vista, ed eccoci al giorno x, forse tra quelli più importanti. E’ un po’ come trovarsi ai nastri di partenza di una competizione. Il solo fatto di esserci, significa che quel momento è preceduto da tante azioni che ti permettono di esserci. Grazie all’amico Sam, sempre presente ho raggiunto l’hotel vicino a malpensa in cui ho alloggiato nella notte. Lungo il viaggio c’è stato modo anche di rivivere il viaggio del 2016 in Perù in cui anche in quella occasione fu lui ad accompagnarmi in aeroporto. Decollare verso una nuova meta con l’obiettivo di centrare un altro traguardo, porta con sé molte domande ma sicuramente anche molte emozioni. L’arrivo al primo scalo a Vienna, con l’aggiunta di una buona dose di fame, ci guida ad un primo brindisi a noi ed a tutte le persone che ci sostengono da casa. La quota mi affascina fin dal mio primo volo verso la Spagna nel lontano 2009 ed anche questa volta non manco di fotografare le nuvole nei suoi molteplici volti, così come la città che diventa sempre più piccola. Chiudo gli occhi, per pensare, ma anche per non pensare.

  • Andrea Devicenzi Diretta facebook

    Giovedì 7 luglio 2022 -1 alla partenza. Ormai ci siamo! Domani, si vola…. destinazione Islanda. Comincia finalmente quella che sarà una grande avventura. Con il passare delle ore l’adrenalina sale sempre di piu’, le emozioni si susseguono. Ma tantissima è la voglia di condividerle con tutti voi, giorno dopo giorno. E’ per questa ragione che tutte le sere alle 21 (ora italiana) sarò in diretta su Facebook e su Istagram per raccontarvi le sensazioni che vivrò durante ogni tappa, parlarvi degli incontri che farò e dei luoghi che attraversero’. Non e’ stato certamente semplice organizzare un’impresa come questa, sia dal punto di vista logistico che della programmazione. Ci sono riuscito grazie ad una magnifica squadra che ho la fortuna di avere al mio fianco e a tanti Enti, realtà, persone, che hanno deciso di sostenere il progetto Islanda. Allora, siete pronti a seguirmi? Il sostegno di tutti voi è energia vitale che mi permetterà di superare la fatica e le difficoltà e gli imprevisti che sicuramente non mancheranno. Bisogna sempre guardare avanti…. CREDERE ALL’IMPOSSIBILE… per poter raggiungere e condividere nuovi traguardi.

  • Andrea Devicenzi con Costantino Vaia Pomì

    A due settimane dalla partenza non senza emozione, si è svolta ieri mattina la conferenza stampa di presentazione del progetto “Islanda – Storie Vichinghe e Terra di Vulcani”, ospitata presso la Casalasco Società Agricola Spa di Rivarolo del Re (Cr). Un’occasione importante per condividere con Enti, istituzioni ed aziende che hanno deciso di sostenere questa mia impresa, tutti i risultati raggiunti in questa fase di preparazione all’avventura che dall’8 al 31 luglio mi porterà a completare in bicicletta l’intero perimetro dell’Islanda, con partenza ed arrivo dalla capitale Reykjavik. Ormai ci siamo, gran parte del lavoro che serviva è stato fatto. Questo grazie alla splendida squadra di persone che ho al mio fianco, ognuna delle quali, con diverse competenze, divenute fondamentali. In Islanda mi saranno di supporto in auto con i materiali Simone Pinzolo, che si occuperà della logistica, e Andrea Baglio, che invece curerà la parte video e fotografica. Ma anche in Italia sarà importante il ruolo di Alessandro Bocchi, mia spalla nella gestione della comunicazione, occupandosi degli articoli giornalieri per raccontare attraverso le esperienze che vivremo, questa grande impresa, sulla quale realizzeremo, oltre ad un docufilm, anche un libro e dalla quale trarrà spunto lo spettacolo teatrale che  realizzeremo con il regista Massimo Rotella. Preziosa anche l’attività di Marco Vezzoni, per la gestione della parte amministrativa e di Stefania e Valeria, per la parte social e comunicazione. Un’avventura, quella in Islanda, che rappresenta il primo tassello di un progetto quinquennale che ci poterà a realizzare, fino al 2026 altrettante imprese in giro per il mondo, tutte all’insegna del motto “Credere all’impossibile”, che oltre ad essere il titolo del mio secondo libro, è il motto che rappresenta il filo conduttore del mio impegno giornaliero. Il mio “viaggio” in Islanda non sarà esclusivamente un’impresa sportiva, porterà con sé l’obiettivo principale di contribuire alla diffusione di quelli che sono i valori dello Sport,  che rappresentano un grande stimolo per affrontare con uno spirito positivo le difficoltà ed i muri che la vita ci pone davanti, per poterli abbattere. Sono davvero enormemente felice ed orgoglioso che il Coni, il Cip, Comitato italiano  paralimpico e la Federazione ciclistica italiana abbiano colto appieno questo mio spirito, concedendo il Patrocinio all’iniziativa. Patrocinio che con grande emozione personale è stato concesso anche dalla Provincia di Cremona. Mi hanno fatto un grande piacere le parole di sostegno inviate da Luca Pancalli (presidente del Cip) e Cordiano Dagnoni (presidente della Fci). A queste si è aggiunta la grandissima sorpresa fattami dal presidente del Coni Giovanni Malagò, che mi ha inviato un graditissimo video messaggio. Con l’avvicinarsi della partenza cresce l’adrenalina naturalmente. La voglia di arrivare a Reykjavik è enorme, ma anche quella di entrare nel vivo di questa avventura che attraverso i social non vedo l’ora di condividere con tutti. Proprio qualche giorno fa è arrivata la conferma del taglio del nastro in piazza a Reykjavik, che sarà domenica 10 luglio. Un ringraziamento a Chiara Isola, referente del Comites, il cui supporto è stato importante per riuscire ad organizzare questo momento, che segnerà il via ufficiale di questa avventura. Concludo invitando tutti gli italiani che proprio il 10 luglio saranno a Reykjavik a raggiungermi in piazza, per fare una foto di gruppo insieme… Un sentito grazie a tutti i sostenitori del progetto senza il quale tutto questo non esisterebbe, e sono: – Casalasco Società Agricola – Progetti del Cuore – Quixa Assicurazioni – laDueDue – Cippà Trasporti – Artefice Group – Eot – AB Global – ANMIC Cremona – M9 Abbigliamento – Rolly & Co. – Edel Costruzioni – Luna Residence Hotel – Zinzino – CoralClub – Cammino del Po – Your Endurance Trainer

  • Andrea Devicenzi Simone Pinzolo Andrea Baglio

    Mancano poco più di tre settimane alla partenza per l’Islanda ed ogni giorno è importante per riuscire bene in questa incredibile impresa. Un’impresa in nord Europa che sta richiedendo una quantità di tempo ed energie inaspettate e che mi stanno mettendo alla prova. Certe cose non puoi spiegarle, bisogna farle per crederci. Al mio fianco in tutto questo gli amici Simone e Andrea. Ci siamo incontrati per l’ennesima volta ed abbiamo assieme definito alcuni dettagli. Abbiamo preparato tutto il materiale da spedire che ha superato il quintale. Abbiamo definito gli obiettivi che ognuno di noi vuole portarsi a casa, numerosi e diversificati. Abbiamo capito quanto la condivisione dei propri bisogni e desideri di ciascuno, messi in condivisione, pur vivendo la stessa esperienza ma con occhi ed esperienze diverse, può generare possibilità a tutti gli altri membri del team. Seguiteci perché non sarà “solamente” un’impresa sportiva, ma coaching, formazione, dolore, sacrifici, divertimento e tanto altro, tutto condiviso con voi che ci seguirete. Lunghissime giornate in sella alla mia bici con voi al mio fianco.

  • Andrea Devicenzi & COPPINI Arte Olearia

    A un mese dalla partenza per l’Islanda prosegue il mio tour per conoscere le aziende e le realta’ che hanno deciso di sostenermi in questa grande avventura. Sono stato a San Secondo Parmense (Pr) alla Coppini Arte Olearia. E’ stato un bell’incontro durante il quale ho avuto modo di conoscere uno dei co-proprietari, Francesco, che mi ha spiegato l’azienda, le finalità ed anche perché  hanno deciso di supportare la mia impresa. Sono legati allo sport, sono legati ai valori che vuole trasmettere questa avventura, sono legati alle tematiche ambientali, alla condivisione ed all’idea che insieme, facendo squadra, si possono raggiungere obiettivi più ampi ed importanti. Mi è piaciuto molto l’incontro perché come accade generalmente nelle aziende che mi supportano dal punto di vista economico, dei materiali o dei prodotti, nasce sempre una bella sinergia e si capisce subito che ognuno mette il proprio pezzettino nel puzzle per completare l’opera. E così è stato anche con loro. E’ come se fossimo amici da tempo anche se non li avevo mai incontrati di persona. Questa è un’emozione che si rinnova ogni volta e che mi riempie di orgoglio. Ho avuto la possibilità di vedere il loro museo che il papà ha allestito per valorizzare il loro paese dove da questo fine settimana al prossimo ci sarà un festival dedicato al cibo correlato al cinema. Un ringraziamento dunque alla Coppini Arte Olearia, a Francesco, Max,  a sostegno dell’impresa, mettendoci a disposizione i loro prodotti che consumeremo in questa impresa di oltre duemila chilometri.

  • Andrea Devicenzi & FCI

    Con grande soddisfazione la Federazione Ciclistica Italiana, nella persona del Presidente Cordiano Dagnoni, ha concesso il Patrocinio alla mia prossima impresa in Islanda. Un riconoscimento importante che da ciclista mi onora e mi responsabilizza ancor di più nel divulgare e promuovere l’attività sportiva e ciclistica in una versione “diversa” da quella delle competizioni, ma in cui i valori rimangono inalterati. Ringrazio a nome di tutta la mia squadra il Presidente Cordiano Dagnoni come ringrazio tutti gli amici ed aziende che stanno permettendo la realizzazione di questo incredibile viaggio.

  • Andrea Devicenzi & Quixa

    Prosegue la marcia di avvicinamento che mi porterà alla partenza per l’Islanda il prossimo 8 luglio. Contemporaneamente, prosegue il viaggio per incontrare le aziende e le realtà che hanno deciso di supportare l’avventura che affronterò. Anche quest’anno sono davvero orgoglioso e contento di avere al mio fianco Quixa Assicurazioni. A Milano ho incontrato i vertici di Quixa e l’amico Luca Toscani responsabile di Quixa: “Seguiamo Andrea da tanti anni, in tutte le sue imprese e in tutte le sue avventure. Ci sentiamo molto vicini a tutto ciò che Andrea fa e anche quest’anno saremo assieme a lui per dargli quell’ulteriore forza di cui speriamo abbia bisogno”. Quixa per me e’ uno dei punti di riferimento, mi supporta dal 2017 quando iniziò la nostra collaborazione nel viaggio verso Capo Nord. Il perché lo ha spiegato ancora l’amico Luca Toscani: “Ci piace avere un’impronta nell’ambito del  sociale ma soprattutto scegliere quelle che sono le eccellenze dal punto di vista di quello che rappresentano per le persone, la gente. Quello che Andrea fa in tutte le sue imprese lascia in tutti noi un senso profondo della sua attenzione, della sua capacità di rendere vicino alla gente comune  imprese eccezionali che riesce a portare a termine. Il tema della disabilità è quello principale che porta avanti e siamo super orgogliosi di essere al suo fianco”. Grazie mille dunque, QUIXA.

  • Andrea Devicenzi & Maurizio Gritta IRIS

    In questo periodo parte delle mie energie e del mio tempo sono dedicati agli incontri con alcune aziende che supportano la mia avventura in Islanda. In sella alla mia bici ho raggiunto Maurizio Gritta e tutta la sua squadra a Calvatone (CR) nella sede della IRIS Cooperativa Agricola. Una realtà di cui avevo sentito parlare ma che non conoscevo. Una realtà che son felice di aver conosciuto ed avere così la possibilità durante l’impresa in Islanda, di godere delle eccellenze e della qualità dei loro prodotti. Mi piace ciò che sto facendo, perché mi sta guidando ad una conoscenza ancora più profonda ed accurata del mio territorio, delle sue eccellenze e della sua gente, che portano con sè insegnamenti da diffondere.

  • Andrea Devicenzi & Dolce Follia Calvatone

    Islanda, -52 giorni alla partenza. Proprio oggi, lunedì 16 maggio, e’ cominciata l’esperienza di documentazione delle aziende che supportano e che credono nel progetto di quest’anno, che step by step si sta sempre più concretizzando. In bicicletta ho raggiunto Calvatone, paese in provincia di Cremona, per incontrare Maurizio e sua moglie, titolari di Dolci Follia, che produce prelibatezze dolciarie tra cui l’ufèla, una specialità di sfoglia realizzata seguendo un’antica ricetta. Loro rappresentano la terza generazione che lo produce. E’ stata un’esperienza molto bella incontrarli, mi ha dato una grande energia verso la partenza. E’ nata subito una bella sintonia, sono davvero felice di avere testimoniato l’impegno di piccoli imprenditori che ogni giorno investono per continuare a migliorare ed ottimizzare il loro prodotto ed il loro locale, guardando dunque al futuro con uno spirito positivo.

  • Andrea Devicenzi & Costantino Vaia

    Si avvicina sempre di più la partenza per l’Islanda, un’impresa ed un’avventura resa possibile grazie al supporto di diverse aziende. Mercoledì scorso come atleta paralimpico sono stato ospite del Cibus a Parma per incontrare le aziende che, come detto, mi supportano. Tutto è partito dagli amici della Pomi’ (Casalasco Società Agricola), che supporta questa impresa in Islanda con i suoi prodotti. Perché l’avventura in Islanda sarà in autosufficienza con sacco a pelo, tenda ma anche cucina. L’idea è proprio quella di mostrare durante le dirette che faremo ogni sera, i prodotti che utilizzeremo a cena e durante la giornata, oltre che raccontare la tappa appena trascorsa e quella che ci aspetterà il giorno dopo. E’ stato bellissimo incontrare queste aziende perché ho potuto constatare da parte di tutti un grande entusiasmo, ed io sono molto felice di portare a livello internazionale quelle che sono le eccellenze italiane.

  • Andrea Devicenzi Stradivari Cremona

    E’ stato per me un grande onore oggi, domenica primo maggio, essere premiato dal Club Grigio rosso Attilio e Domenico Luzzara di Cremona, in occasione della loro festa annuale. Un riconoscimento molto importante soprattutto perché ricevuto da un’associazione che, con i suoi 43 anni di storia, il giorno della sua festa sociale lo dedica a tutto lo sport a 360° e non soltanto al calcio. Dopo due anni è stata davvero una gioia poter condividere questa giornata di sport insieme a tante altre persone, amici ed associazioni Asd che rappresentano per tanti ragazzi un punto di riferimento giornaliero. Nello sport, così come nella vita di tutti i giorni, per riuscire ad ottenere dei risultati testa e mente sono assolutamente fondamentali. Quando funziona la testa, quando ci sono le giuste motivazioni, quando funzionano le idee ed i gruppi di lavoro si possono raggiungere degli obiettivi straordinari. E proprio con questi presupposti sto lavorando alla mia prossima avventura, l’Islanda, che mi porterà a percorrere oltre 2mila chilometri in bicicletta. Al mio fianco ci sarà un team, una squadra che per me è essenziale. Per quanto io possa mettere impegno, costanza e dedizione in tutto quello che faccio, ho bisogno di una squadra che mi segua. Mi riferisco alla famiglia, agli accompagnatori, agli amici di allenamento, ai partner che sostengono a livello di allenamento, di materiali ed a livello economico le mie imprese. Un grazie particolare proprio a tutti i miei partner, perché mi hanno permesso di alzare l’asticella delle mie imprese sotto tutti i punti di vista: il viaggio, il fatto di essere in tre e di acquistare determinati materiali, anche relativi all’abbigliamento, e per la comunicazione. Colgo l’occasione, per quanto riguarda quest’ultimo ambito, di annunciare la collaborazione con   Alessandro Bocchi che sarà al mio fianco, aiutandomi nella stesura di gran parte della mia comunicazione, e che al termine del viaggio vedrà la luce il mio terzo libro che sarà  anche illustrato dalle fotografie che realizzerò io e Andrea Baglio, che mi seguirà. Sull’avventura in Islanda ad agosto sarà realizzato anche un trailer ed a settembre un documentario da 40 minuti. …..stay tuned

  • Andrea Devicenzi Islanda

    Con grandissima gioia, annuncio ufficialmente la mia prossima impresa. ISLANDA “Storie Vichinghe e Terre di Vulcani” Dopo 4 anni dedicati ai cammini, ritorno in sella alla mia bici per affrontare gli oltre 2.000 chilometri di circumnavigazione dell’Islanda dal 9 al 31 luglio 2022. Ancora una volta quel ciclismo volto alle avventure estreme, dove fatica, sudore e sacrifici si fondono in ore e ore di bici, superando ogni difficoltà ed ogni salita, un metro alla volta. Al mio fianco ci sarà l’oceano da una parte e vulcani, guyser e ghiacciai dall’altra. Un’impresa interamente documentata da video e foto, vissuta in tenda e sacco a pelo. Con me due speciali accompagnatori che mi supporteranno nella logistica e documentazione di questo difficilissimo viaggio. Incontrerò Islandesi ed Italiani con cui condividere momenti assieme, accompagnati dalle nostre eccellenze del food italiano. Documenterò storie di successo, resilienza, difficoltà superate e coraggio L’inaspettato come ogni altra mia avventura sarà un ingrediente essenziale, alla scoperta di questa isola ricca di energia che arriverà grazie alla sua geologia straordinaria. Ti aspetto al mio fianco, virtualmente, attraverso le mie foto, video e dirette.